About me

Ciao, sono Matteo Bellegoni e ho 35 anni.

Attualmente collaboro con la FDV dopo essere stato dirigente della cgil di la spezia, dove ho ricoperto gli incarichi di segretario generale del NidiL, della SLC e della FIOM, di cui sono stato anche coordinatore regionale, ed infine segretario generale della Cgil.

I miei progetti?

Tornare a fare il sindacato, tornare a stare in mezzo alle lavoratrici e ai lavoratori, continuare a studiare e pensare a laurearmi.

Tra le cose che ho scritto e a cui sono più affezionato il saggio Verso la società del lavoro e il Manifesto dell’Umanità consapevole, oltre che riuscire a laurearmi.

C’è una frase di Rumi che come avrete capito mi sta molto a cuore Dal momento in cui inizi a camminare su una strada, essa appare.

Credo infatti che rimanere seduti ad aspettare il futuro o qualcuno che ci indichi una via o una meta precisa non serva a nulla, però credo anche profondamente nel valore dell’incontro, della contaminazione, dello scambio, ecco perché ho deciso di “mettermi in cammino” e lavorare a questi progetti, compreso il blog, perché credo nella necessità di aprire nuovi strade e possibilmente di compiere un cammino quanto più possibile condiviso.

Esplorare l’umanità significa anche ricercare emozione e passione in varie cose, senza mai farsene travolgere : nella musica, nei film, nella lettura, nell’amore.

Amo Silvia, la donna che mi sopporta e supporta da qualche anno, con la quale condivido idee, sogni, progetti e che, come dice una splendida canzone di Vecchioni (le mie donne), è una di quelle donne che “ci insegnano il mestiere d’esser uomini”.

Amo poi molti libri, film e canzoni, ma rischierei di dover far un elenco infinito se li scrivessi tutti qui, così, sebbene sia difficilissimo farlo, qua ne scelgo tre particolarmente significativi.

Il libro è 7 lezioni sul pensiero globale di Edgar Morin, perché mi ha ispirato moltissimo nella scrittura del manifesto dell’Umanità consapevole e perché è sua la frase con cui si apre il mio saggio Verso la società del lavoro.

Il film è la Tigre e la Neve di Roberto Benigni, per via di quella meravigliosa scena dove spiega ai suoi studenti il valore della Poesia.

E la canzone, anche se come amo dire la musica mi piace tutta, da Beethoven agli Iron Maiden, è sogna ragazzo sogna di Vecchioni, perché ci insegna il valore di non rinunciare mai ai propri sogni.

Questo a grandi linee sono io, anche se è molto complicato riassumere la propria umanità in poche parole, io ci ho provato, ma spero di potervi raccontare molto di più di me, ma soprattutto di potermi confrontare con voi, di contaminarvi e lasciarmi contaminare da voi attraverso questo blog.

Buon cammino a me e a tutti voi,

Matteo Bellegoni